Gioca la tua partita da campione

Sei stufo di essere uno dei tanti? Ogni giorno te la giochi a testa bassa e cuore in mezzo al campo, vivi “una vita da mediano, da uno che si brucia presto, perché quando hai dato troppo, devi andare e fare posto”, come dice quella nota canzone di Ligabue. Daresti tutto per avere quel tocco in più, e non “da chi segna sempre poco”? Beh, sai cosa ti manca per avere “lo spunto della punta”? Un Brand!

 

Se ti dico Barilla a cosa pensi? Tranquillo, non c’è neppure bisogno che tu me lo dica. Ovviamente alla pasta! Solo in terza, anzi quarta battuta ti viene in mente che quello è il nome di un’azienda e, in questo caso, anche il cogonme della famiglia proprietaria. Ora in tutta onestà, puoi dire che questa immediata associazione di idee, che spazza via tutto il resto, la suscita anche il nome della tua azienda? Secondo me, no.  Anzi, dai siamo sinceri fino in fondo sicuramente no, nonostante magari anche la tua azienda porti, come nel caso di Barilla, il cognome del fondatore, questo non provoca il medesimo effetto nella mente dei tuoi Clienti.

Spesso le aziende non distinguono il nome del marchio da quello della propria ragione sociale. A volte neppure gli danno un segno grafico distintivo. Il nome viene spesso sottovalutato: si scelgono sigle, iniziali, cognomi, nomi di zone o vie… Insomma accade un po’ di tutto. Pochissime volte il nome è frutto di un ragionamento, eppure è il primo elemento che può portare al successo. Un nome “brutto” difficilmente ottiene risultati a differenza di un nome che suona “bene” o che “racconta” ciò che l’azienda fa. Ad ogni modo sia che funzioni, sia che stoni all’inizio è solo un nome.

Sicuramente, e non lo escludo, il nome della tua azienda (che spesso coincide con il tuo marchio) è noto nel settore, conosciuto per la sua esperienza e competenza nel campo, eppure non ha la forza di fissarsi in maniera indelebile nella testa dei tuoi Clienti potenziali. Magari se lo ricordano, ne hanno sentito parlare, è un nome che gli ronza lì in mezzo a quei tanti altri nomi, che meno di tutti vorresti sentire: quelli dei tuoi concorrenti. Ma come riuscire a farlo emergere? Come fare in modo che il tuo nome “si venda da solo”? La risposta è una sola: bisogna trasformare il nome in un Brand!

Come si fa a trasformare un nome in un Brand?

Prendiamo una piramide e dividiamola orizzontalmente in tre strati: alla base c’è il nome, poi il posizionamento di marca e all’apice il Brand. La strada per costruire un Brand parte quindi dal nome e poi passa per il posizionamento di marca. Fare marketing è l’unico modo per posizionarsi nella testa dei tuoi Clienti. Per dirle in altre parole è quindi il marketing che trasforma il tuo nome in un Brand attraverso il posizionamento di marca. Per riuscirci occorrono tempo, competenze e costanza, cose che solo una squadra coesa come quella di Branding Box possono darti.

Cosa comunichi con un Brand?

Ora non iniziare a dirmi che non ti occorre un Brand perché la tua azienda non vende direttamente al cliente finale. Anche se lavori in ambito BtoB, e anche se sei contoterzista come ti ho spiegato qui, costruire il proprio Brand è necessario e importante per qualunque tipo di azienda, per due semplici motivi:

  • perché hai dei Clienti da conquistare;
  • perché hai una concorrenza da sconfiggere.

In qualsiasi contesto la tua attività si inserisca si troverà sempre in mezzo a questa competizione e, se ne vuoi uscire vincitore, allora il colpo che hai a disposizione per segnare è il Brand.

Certo alle spalle del Brand deve esserci un prodotto/servizio di qualità proposto da una squadra di commerciali competente, ma creare un Brand è il passo fondamentale, anzi l’unico per fare scacco matto alla concorrenza. Investire sul marketing e focalizzarsi imponendo il tuo Brand come l’esperto e lo specialista di un determinata categoria di mercato o conquistarne un attributo esclusivo farà sì che i tuoi Clienti ti scelgano, considerandoti il migliore.

Inizi a capire la fondamentale differenza tra avere un nome e un Brand? Il nome non dice nulla del tuo prodotto/servizio, non racconta una storia che va a fissarsi nella memoria del Cliente, il Brand sì e lo può fare perché alle sue spalle c’è una strategia che lo sorregge, il posizionamento di marca basato sulla focalizzazione.

La personalità del Brand

Un passaggio importante per passare da nome a Brand è acquisire una personalità. Sì, il nome della azienda non dice nulla perchè è piatto, non provoca nessuna reazione in chi lo ascolta, un Brand invece ha una sua identità chiara e definita. Ti dico BMW e la piacevolezza di guida e la sportività sono i primi tratti che ti vengono in mente, Ferrari è velocità e passione. Potrei andare avanti per ore, ma ciò che conta è farti capire che qui non si parla di semplici nomi, ma di Brand capaci di suscitare qualcosa di istintivo in chi li ascolta, toccando le leve emotive dei potenziali Clienti. Non solo auto, ma anche viti e bulloni hanno qualcosa da dire se sei pronto a fare questo percorso!

Nel tuo settore tu potresti fare lo stesso, fondamentale è conoscere l’identikit del tuo potenziale Cliente. Dietro a qualsiasi azienda a cui ti rivolgi, ricorda che ci sono sempre  delle persone a decidere e ciò che le muove all’acquisto, è il trovare dall’altra parte l’esatta risposta a ciò che stanno cercando. Se ti rivolgi a Clienti che desiderano prestigio, il tuo Brand dovrà avere un carattere esclusivo e di lusso: avere i tuoi prodotti sarà per loro un vanto. Se i tuoi Clienti, invece, amano l’eccentricità, il tuo Brand sarà originale e chi acquista i tuoi prodotti o servizi, potrà distinguersi e subito verrà riconosciuto.  Il Brand, quindi, parla alla persona e fa leva sulla sua parte irrazionale, accelerando il processo che porta all’acquisto del tuo prodotto o servizio

  • perché, pur di averlo, si è disposti anche a pagare di più
  • perché, già che si sta investendo, si vuole avere lo specialista in quel settore
  • perché entra in empatia con lui e sembra proprio parlare a lui

Un semplice nome, invece, si ferma molto prima: ecco perchè poi ci si riduce sempre a lunghe trattative estenuanti, dove l’unico parametro discriminante è il prezzo. Con un Brand, invece, la partita è subito chiusa. 

Ora spetta solo a te: vuoi continuare a giocare da mediano, oppure hai deciso di passare all’attacco? Prendi l’occasione al volo e diventa un chiodo fisso nella testa dei tuoi Clienti! Chiamami e costruiamo insieme il tuo Brand!

 

https://www.brandingbox.it/diario_brandcoach/gioca-la-tua-partita-da-campione/
#1
Scopri se il tuo Brand è leader.
Fai il test!
Scroll Up